X
...lascia il tuo giudizio anonimo
Ti è stato utile l'Articolo?
SI
NO
Stai per affrontare un Escursione sull'Etna?
Registrati per poter visualizzare i Sentieri e i Punti Più Visitati, commentare, votare e inserire foto, ..aiuta altri Escursionisti, lascia la Tua Esperienza!
Seguici su Facebook!
Prenota una GUIDA
Vivi l'esperienza unica di essere accompagnato da una GUIDA NATURALISTICA, per escursioni personalizzate ed avere più informazioni, visita la pagina dedicata per maggiori dettagli... ...e condividi la Tua Etna!
Escursioni LASTMINUTE
Guarda anche la sezione LASTMINUTE, con le prossime escursioni ed eventi all'interno del territorio Etneo, selezionati tra i più visitati e belli da etnafriends.it.
Visita il MARKET
Supporta Etnafriends con un Acquisto nel Market, Oggetti Tipici, Prodotti, Immagini e Luoghi! ...aiuta etnafriends.it a crescere, valorizza il
Made on Etna!
Hai visto le
ultime novità?
Visita la nostra HOME
per avere in anteprima le ultime novità, ...e guarda anche le sezioni NOTIZIE, ERUZIONI e VIDEO!
SENTIERO MONTI GROSSO-GEMMELLARO
Il sentiero Geologico-Didattico Monte Grosso - Monte Gemmellaro è dedicato al geologo-naturalista Carlo Gemmellaro(Catania 1787/1866), lungo il percorso e possibile osservare i resti di varie eruzioni vulcaniche susseguitesi a partire dalla seconda metà del 1800 sino ai giorni nostri, con peculiari strutture vulcaniche quali hornitos, coni piroclastici, colate laviche e canali di scorrimento, maggiormente distinta per l'eruzione del 1886 che giunse fino a qualche centinaio di metri prima del paese di Nicolosi.

Partendo da Piano Bottara (in prossimità del ristorante "La nuova quercia") ad un altitudine di circa 1250 metri, ci dirigiamo verso il cancello del Demanio di Monte Concilio, percorrendo la cosiddetta scorciatoia dell'SP92, traversa a destra dopo il piano, superato il cancello, dopo circa 100 metri, si arriva ad un bivio qui proseguiremo dritto tralasciando a destra, Monte Concilio (dove si trova anche un rifugio Forestale - "La Ginestra") trovando subito davanti a noi il serpente lavico del 2001 che attraversiamo sulla strada, sotto la colata del 2001, più scura, sono affiancate quelle del 1886, che diede origine al Monte Gemmellaro e al Monte Grosso, e del 1892 originata dai Crateri Silvestri.

A circa 150 metri dal punto di partenza, attraverso una serie di rilievi lavici relativi all'eruzione del 2001, questi rilievi sono significativi perchè raccontano l'evoluzione morfologica della colata lavica antica, i due rilievi più salienti, sono gli argini lavici più esterni della colata lavica con un altezza massima di circa 10 metri e si sono formati quando la lava ha iniziato a raffreddarsi, a causa della sua viscosità, la lava rallenta e si ferma quando inizia a perdere calore nelle porzioni più esterne del flusso, generando gli argini, il processo continua determinando la formazione di altri argini secondari, la sovrapposizione di colate laviche di età differenti è riconoscibile da diverso colore, questa differenza cromatica è da attribuire alla presenza di licheni biancastri, che hanno bisogno di molto tempo per crescere fornendo così una datazione relativa delle colate.

A poco distanza è possibile ammirare una delle strutture più peculiari derivate dall'attività eruttiva del vulcano, qui denominata come lava BLOB, una sfera di lava di dimensioni metriche, di forma caratteristica.

Dopo una breve salita la strada arriva a Monte Grosso coperto da un bosco misto, aggirato a sud il monte, raggiungiamo un piccolo rifugio della Forestale dotato di un'area attrezzata, la Casermetta di Monte Grosso, da qui è ben visibile il golfo di Catania, soprattutto nelle giornate soleggiate.

Proseguendo verso nord, attraversata la sbarra forestale, si continua in leggera salita tra le colate laviche fino alla base di Monte Gemmellaro, intitolato al geologo naturalista Carlo Gemmellaro, professore di storia naturale geologia e mineralogia presso l'università di Catania nei primi anni anni del 1800, la cui ricerca ha contribuito a sviluppare una scuola geologica di fama internazionale, dove si possono scorgere alcune bocche eruttive del 1886, un bellissimo hornito con una piccola grotta adiacente e poco più avanti un'enorme canalone lavico dalla stupefacente bellezza, continuando nella salita tramite un ripido sentiero, è presente l'omonimo rifugio aperto, utile anche come punto di bivacco.

La vegetazione del monte è costituita da pini e ginestre, il panorama incantevole, verso sud si può distinguere benissimo il netto contrasto tra le colate più antiche ormai colonizzate da muschi e licheni e quella più scura del 2001, continuando per la sommità di Monte Gemmellaro un pò più in salita, si può ammirare un superbo panorama che permette di osservare da un lato i crateri sommitali e dall'altro lo splendido golfo di Catania.

Per il rientro seguiremo quasi lo stesso percorso, aggirando però Monte Gemmellaro per diversificare il tracciato, percorrendolo tutto in discesa e poter tornare con facilità al punto di partenza, un sentiero semplice, ricco di storia e aspetti geologici e vulcanologici, con molti punti immersi nella natura in cui potersi sedere e riposare in caratteristiche aree ristoro costruite in legno e con possibilità di accendere un fuoco e bivaccare.
DIFFICOLTA'
   Facile  
LUNGHEZZA
   7.5 Km  
Coordinata Iniziale
   37.668009 - 14.994886  
(Indicazioni Stradali)
Maggiori informazioni?
+ PRENOTA
GUIDA
COMMENTA
NON HAI VOTATO
SALVA
ANNULLA
EtnaFriends.it - Portale di Informazioni,
Storia e Sentieristica dell'Etna - Nicolosi (Catania)
- info@etnafriends.it - Italia © 2013/2020
questo sito non utilizza cookie di terze parti e i dati sono e rimarrano sempre interni al portale
usando e accedendo ad Etnafriends accetti e autorizzi la nostra informativa sulla privacy.
Registrati per poter inviare messaggi, votare,
commentare, aggiungere foto e articoli,
ed accedere a tutte le funzionalità della FriendsZone