X
...lascia il tuo giudizio anonimo
Ti è stato utile l'Articolo?
SI
NO
Stai per affrontare un Escursione sull'Etna?
Registrati per poter visualizzare i Sentieri e i Punti Più Visitati, commentare, votare e inserire foto, ..aiuta altri Escursionisti, lascia la Tua Esperienza!
Seguici su Facebook!
Prenota una GUIDA
Vivi l'esperienza unica di essere accompagnato da una GUIDA NATURALISTICA, per escursioni personalizzate ed avere più informazioni, visita la pagina dedicata per maggiori dettagli... ...e condividi la Tua Etna!
Escursioni LASTMINUTE
Guarda anche la sezione LASTMINUTE, con le prossime escursioni ed eventi all'interno del territorio Etneo, selezionati tra i più visitati e belli da etnafriends.it.
Visita il MARKET
Supporta Etnafriends con un Acquisto nel Market, Oggetti Tipici, Prodotti, Immagini e Luoghi! ...aiuta etnafriends.it a crescere, valorizza il
Made on Etna!
Hai visto le
ultime novità?
Visita la nostra HOME
per avere in anteprima le ultime novità, ...e guarda anche le sezioni NOTIZIE, ERUZIONI e VIDEO!
Eruzioni del 1983
L'eruzione fu annunciata da forti terremoti nella notte tra il 26 e il 27 marzo, il mattino del 28 marzo lungo una fessura, una frattura di circa 2 km di lunghezza, apertasi da Nord-Est verso Sud-Ovest, cominciarono le esplosioni e l'emissione della lava, danneggiando irrimediabilmente il Piccolo Rifugio di quota 2500 m.

In serata l'attività cominciò a caratterizzarsi in maniera spettacolare per la formazione di numerosi conetti di scorie saldate detti hornitos, formanti una bottoniera lunga circa 400 m da quota 2550 a 2350 metri che espellevano gas surriscaldati ed incandescenti a forte velocità che producevano un assordante sibilo simile a quello di un aereo a reazione.

Il magma fece la sua apparizione in superficie a soli 800 metri in linea d'aria a Nord dal Rifugio Sapienza alimentando una colata lavica in direzione Sud che investì subito otto piloni e le prime stazioni di arrivo e partenza della sciovia biforcandosi a quota 2200 m: uno con un fronte largo circa 150 m si diresse verso la Casa Cantoniera, l'altro di ampiezza di circa 50 m avanzò verso il Rifugio Sapienza.



Nella stessa serata del 28 Marzo, la colata tagliò per la prima volta la Nicolosi-Etna distruggendo la Casa Cantoniera, la casermetta dei Carabinieri e lambì il Ristorante Corsaro, incendiandolo e riversandosi fuori delle finestre, portandosi fino a quota 1700 m, ma rallentando la velocità della sua avanzata nella giornata successiva.

Nella notte tra il 18 ed il 19 aprile travolse il ristorante La Quercia proprio a Piano Bottaro dirigendosi verso altri due ristoranti: il Miraneve e l'Angelo Musco sito proprio nella ex villa del celebre attore catanese, altre diramazioni distrussero boschi, coltivazioni e abitazioni di villeggiatura in Contrada Sclafani.

Tra il 21 ed il 22 aprile si ebbe una lieve flessione dell'attività eruttiva mentre un braccio lavico raggiunse quota 1150 m arrestandosi del tutto il 24, dove due bracci di lava aggirarono Monte Manfrè distruggendo nuovi boschi, frutteti e case e contemporaneamente.



L'eruzione del 1983 viene ricordata anche per il primo tentativo al mondo di deviazione per mezzo di esplosivo della colata, la Commissione Grandi Rischi inviata dal Ministro Loris Fortuna, propose per la prima volta l'ipotesi di deviare la lava «agendo a ridosso della fenditura da cui ha origine la colata», la soluzione operativa proposta immaginava di aprire dei varchi negli argini naturali di scorrimento del flusso lavico mediante esplosivi, al fine di impoverire la portata del braccio principale rallentandone l'avanzata, fu fatto il 14 maggio, dopo aver creato un nuovo alveo con le ruspe e aver eretto due barriere, a 1.950 e 1.800 m, l'argine naturale fu fatto saltare con l'esplosivo, in modo che la lava deviasse verso la canalizzazione artificiale.

Il 6 agosto, dopo 131 giorni, durante i quali erano stati emessi 100 milioni di metri cubi di lava, l'eruzione terminò.
COMMENTA
NON HAI VOTATO
SALVA
ANNULLA
EtnaFriends.it - Portale di Informazioni,
Storia e Sentieristica dell'Etna - Nicolosi (Catania)
- info@etnafriends.it - Italia © 2013/2020
questo sito non utilizza cookie di terze parti e i dati sono e rimarrano sempre interni al portale
usando e accedendo ad Etnafriends accetti e autorizzi la nostra informativa sulla privacy.
Registrati per poter inviare messaggi, votare,
commentare, aggiungere foto e articoli,
ed accedere a tutte le funzionalità della FriendsZone